Soleterre Onlus - Emergenza Ucraina - Italia

Dona il tuo 5xmille C.F. 97329310151

800.90.41.81

Emergenza Ucraina: l'accoglienza in Italia

Appena scoppiato il conflitto in Ucraina, ci siamo attivati per mettere in salvo i bambini e i ragazzi malati di cancro nel Paese, cominciando però da subito ad attivarci anche in Italia per poterli accogliere.

Ecco come ci stiamo prendendo cura dei piccoli pazienti oncologici in Italia.

ITA

Grazie alla collaborazione con Regione Lombardia, AREU e la CROSS (Centrale Remota Operazioni Soccorso Sanitario) della Protezione Civile, siamo riusciti a organizzare una pronta evacuazione dall’Ucraina dei bambini e ragazzi malati di cancro, per metterli in salvo dalla guerra e dare loro la  possibilità di continuare le terapie, presso i migliori centri ospedalieri italiani.

Solo nel nostro Paese, sono 73 i pazienti pediatrici oncologici e feriti di guerra che siamo riusciti a portare attraverso voli di evacuazione medica.

Abbiamo poi messo loro a disposizione:

  • una linea telefonica di ascolto e supporto psicologico, attiva dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00 in 19 ospedali. L’obiettivo è metterci in rete con tutte le famiglie arrivate in Italia, monitorandone condizioni e stato psicologico;
  • 30 psicologi, mediatori linguistici e operatori sociali dedicati alla nostra rete di accoglienza;
  • 2 case d’accoglienza.

Il nostro supporto alle famiglie arrivate in Italia

17

VOLI ORGANIZZATI

73

BAMBINI EVACUATI

37

FAMIGLIE SEGUITE DA PSICOLOGI

30

PSICOLOGI, MEDIATORI E OPERATORI

Al Policlinico San Matteo

Il Policlinico San Matteo di Pavia, vista la collaborazione che da anni ci permette di essere presenti col nostro supporto psicologico e il sostegno alle famiglie con bambini e ragazzi malati di cancro, è stato il primo ospedale a cui ci siamo rivolti per accogliere i piccoli pazienti oncologici.
Attualmente sono 10 i bambini ucraini in cura al reparto di Onco-Ematologia pediatrica.

Sia a disposizione delle famiglie con piccoli pazienti oncologici che dei rifugiati abbiamo messo a disposizione:

  • il supporto psicologico gratuito dei nostri psicologi;
  • 10 appartamenti, vicini al Policlinico, per tutte le famiglie ucraine che hanno in cura i propri figli;
  • il Progetto Scuola, che prevede 2 lezioni di italiano a settimana ai bambini in ospedale e ai bambini con le mamme nella casa d’accoglienza;
  • l’aiuto dei nostri mediatori culturali per aiutarli a sentirsi ancora di più a casa.

Aiutaci a fare ancora di più!