Maison Akwaba: una speranza per la cura del cancro in Costa d'Avorio

Dona il tuo 5xmille C.F. 97329310151

800.90.41.81


Anche in Africa ci si ammala di cancro. In Costa d’Avorio la mortalità infantile per tumore è altissima: ogni anno su 1.000 bambini che si ammalano di cancro, 800 muoiono senza aver mai avuto accesso alle cure. Il 90% dei tumori viene riconosciuto e curato troppo tardi e meno di 50 bambini che accedono alle cure guariscono.
Tassi così elevati di mortalità sono dovuti a una scarsa conoscenza della malattia e a un ritardo nell’intervento: su oltre 22 milioni di abitanti ci sono solo 7 oncologi e solo 2 di essi sono specializzati in oncologia pediatrica. Ad Abidjan c’è l’unica unità oncologica pediatrica di tutto il Paese e offre solo 20 posti letto.

Seguire le cure per una famiglia in Costa d’Avorio è estremamente difficile: il trattamento dei tumori ha una durata media di 6-8 mesi, la maggior parte delle famiglie provengono da città o zone rurali lontane da Abidjan e non ha i soldi per sostenere gli alti costi di alloggio e di trasporto. 

Molti bambini sono così costretti ad abbandonare l’ospedale e le cure per tornare a casa propria. 

Chi riesce a proseguire le cure si trova spesso costretto a dormire nei corridoi dell’ospedale o in strada anche per giorni o mesi. 

È in questo contesto che dal 2010 interveniamo attraverso la fornitura di materiali di consumo, chemioterapie e medicinali e finanziando la partecipazione di dottori ivoriani a congressi e corsi di formazione; abbiamo potenziato il servizio psicologico e di arte terapia per i bambini e i ragazzi e soprattutto abbiamo aperto una casa d’accoglienza.

La casa d’accoglienza Maison Akwaba

La casa di accoglienza ha infatti un grandissimo valore e consente ai bimbi di seguire le cure in regime di Day hospital, concorrendo in questo modo a ridurre il sovraffollamento del reparto di Oncologia pediatrica e aumentando allo stesso tempo il numero di bambini che possono essere curati nel corso dell’anno. 

La nuova “Maison Akwaba”, che in lingua locale vuol dire “benvenuto”, è stata inaugurata nel mese di marzo e può ospitare fino a 16 famiglie contemporaneamente.
La casa offre un alloggio gratuito alle famiglie che non possono permetterselo, scoraggiando quindi l’abbandono delle cure. È un luogo sereno dove i bambini vengono sostenuti nel percorso di malattia e possono continuare a vivere la loro infanzia.
Tutte le attività che Soleterre sostiene con la Casa d’accoglienza sono indispensabili perché le famiglie si sentano accolte e possano favorire un decorso meno traumatico della malattia. 

Ogni mattina l’educatrice incontra tutti gli ospiti della casa per valutare lo stato di salute dei bambini e lo stato psicologico dei genitori.
Una volta a settimana vengono organizzati degli incontri con lo psicologo, durante i quali sia i genitori che i bambini possono confrontarsi ed esprimere le loro paure e difficoltà. 

L’arteterapia, l’animazione e le attività ricreative ed educative sono strumenti utili per avvicinarsi ai bambini, sostenerli nel percorso di cure e affrontare le paure che li accompagnano. All’interno della sala giochi è stato creato uno spazio ad hoc per le attività scolastiche: un’educatrice specializzata studia i percorsi didattici sulla base del livello scolastico di ciascun bambino. 

Dal 2001 a oggi le percentuali di guarigione sono aumentate in modo significativo passando dal 5% al 37,85%. Il tasso di sopravvivenza però rimane ancora molto basso: solo il 22% di chi riesce ad accedere alle cure guarisce.

Con Grande contro il Cancro vogliamo far sì che anche in Costa d’Avorio i piccoli pazienti possano diventare grandi!

Sostienili anche tu!

 

Lascia un commento

Torna su