I vostri messaggi per i medici e infermieri del San Matteo

Dona il tuo 5xmille C.F. 97329310151

800.90.41.81


Quest’anno abbiamo trascorso una Pasqua decisamente diversa, come diversi sono i giorni che passano, per alcuni lenti in casa, per altri frenetici negli ospedali.
Ed è proprio pensando a chi presta il proprio servizio in prima linea al san Matteo di Pavia, che nella per la nostra ultima e-mail proprio di Pasqua abbiamo pensato di chiedervi dei messaggi di speranza da mandare a medici, infermieri e psicologi dei reparti COVID-19.  

Ce ne sono arrivati tantissimi, uno più bello dell’altro, ed è stato difficile sceglierne alcuni da farvi leggere. 

Ecco per voi una piccola selezione dei messaggi e una photo gallery che riportano le vostre parole incoraggianti, sulle splendide fotografie scattate da Simone Durante.

Ciao a tutti voi che non siete eroi amate solo il vostro lavoro.
Anche voi avete paura è normale ma la vostra dedizione è più forte. Io dico solo che dobbiamo ricordarci di voi SEMPRE e non soltanto adesso che questa tragedia ci ha paralizzato in casa. Vi auguro tutto il bene possibile e vi abbraccio forte.
Mariella” 

“Grazie per il vostro lavoro, per i vostri enormi sacrifici, per i sacrifici delle vostre famiglie. Per i vostri occhi stanchi e le ore di sonno perse, per i pasti saltati e le vite immolate: non c’è denaro che vi ripaghi. Come ha detto Papa Francesco siete i santi dei nostri giorni.
Non dimenticheremo ciò che state facendo. E quando sarà tutto finito festeggeremo insieme a voi. 
Non mollate! 
Grazie, Marisa”

“Grazie veramente per tutto quello che fate. Ho perso da pochi mesi mio marito e dico un sincero grazie alla vita per averlo ancora potuto assistere fino alla fine, cosa che forse oggi non sarebbe stato possibile. So che state compiendo sforzi enormi e vi dico grazie dal profondo del cuore. Grazie ai medici agli infermieri e a tutti gli operatori sanitari. Faremo il possibile affinché tutti i vostri sacrifici non vengano ma dimenticati.
Vi abbraccio di cuore e vi auguro Buona Pasqua.
Marina”

Lascia un commento

Torna su