Burkina Faso: a che punto siamo con la casa d'accoglienza

Dona il tuo 5xmille C.F. 97329310151

800.90.41.81


Prima delle vacanze estive vi abbiamo dato la bella notizia che grazie al partenariato di lunghissima data con il GFAOP (Groupe Franco-Africain d’Oncologie Pédiatrique) avremmo potuto avviare i lavori per una casa d’accoglienza in Burkina Faso per i bambini malati di cancro, Paese dove non eravamo ancora presenti.

Ebbene è con emozione che possiamo dirvi che i lavori sono già iniziati e stanno procedendo a ritmo serrato!

La casa avrà 6 camere da letto, 1 magazzino, 1 ufficio, 3 sale da bagno, 1 grande soggiorno, 1 cucina e un cortile con il giardino: potrà accogliere 12 famiglie.
Non si tratterà di semplice accoglienza durante le loro cure, ma come sempre organizzeremo attività con un’educatrice specializzata e uno psicologo: non solo attività didattiche, giochi, ma anche worskhop per le mamme e persino gite turistiche nei dintorni per favorire la coesione tra i bimbi e le famiglie.

È un passo importante per il Burkina Faso: negli ospedali Yalgado e Charles de Gaulle infatti non si sono abbastanza posti per i bambini che spesso sono costretti a dormire per terra nei corridoi.

Inoltre con i scarsi mezzi economici di cui dispongono, le famiglie non possono permettersi di soggiornare vicino all’ospedale né di fare 50 o più km di tragitto ogni mese: il loro stipendio mensile infatti si aggira intorno ai 100 Euro e le spese di alloggio e trasferte sono molto onerose.

In Burkina Faso, poi, la vita sociale e in comunità ha un grande valore: ritrovarsi in una casa di accoglienza con altri bambini e famiglie ridurrà lo stress e la depressione dei piccoli, ma anche dei grandi. La salute fisica delle persone passa anche dalle emozioni e dal benessere psicologico: per quello da sempre cerchiamo di aiutare i bambini malati di tumore e i loro genitori. Anche questa casa accoglienza fa parte del prendersi cura a 360 gradi dei piccoli pazienti, dando loro un ambiente confortevole e rassicurante, dove poter ritrovare il sorriso e non pensare in continuazione alla malattia.

Lascia un commento

Torna su