Dona il tuo 5xmille C.F. 97329310151

800.90.41.81


È iniziata a marzo la collaborazione tra Fondazione Soleterre e l’Associazione Professionale di Estetica Oncologica (APEO), nata nel 2013 nell’ambito dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO). APEO promuove, in collaborazione con Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano, dei percorsi formativi per estetiste diplomate, affidando la formazione a medici dermatologi, oncologi specialisti e fisioterapisti dello IEO di Milano, allo scopo di insegnare a delle Estetiste professioniste come effettuare trattamenti di bellezza e di benessere su pazienti in terapia oncologica e migliorare così la loro qualità di vita psico-fisica.

Nell’ambito di tale relazione Soleterre ha aderito al progetto Quality of life di cui APEO è promotore, basato sull’idea che a ogni uomo e a ogni donna in terapia oncologica, in quanto persona prima ancora che malato, vada garantito il diritto di mantenere, per quanto possibile, il proprio stile e qualità di vita, a livello personale, familiare e sociale. L’iniziativa prevede la programmazione di attività rivolte ai pazienti in terapia oncologica, ai loro caregiver, agli operatori sanitari del settore ed all’opinione pubblica per sensibilizzarli sulla possibilità di intervenire attraverso protocolli in cosmesi ed estetica applicata, studiati per lenire gli effetti invalidanti che queste terapie producono su pelle ed unghie, condizionando il percorso di vita dei pazienti dal punto di vista fisico, affettivo, sociale e relazionale.

Sulla base di tali premesse, a partire da aprile, Soleterre ha sviluppato presso la SC di Oncoematologia Pediatrica del S. Matteo l’iniziativa “Aver cura di sé per aver cura degli altri: L’estetica oncologica come strumento di supporto psicosociale per pazienti e genitori”. Attraverso tale intervento Soleterre assicura la presenza di una professionista di estetica oncologica con certificazione APEO in reparto per degli appuntamenti mensili distribuiti nel corso dell’anno, col duplice scopo di offrire trattamenti di bellezza e benessere ai genitori presenti in reparto, offrendo momenti di svago e condivisione; e di informare, su contenuti concordati con i responsabili sanitari della Struttura, sulle pratiche da seguire ed evitare nell’igiene quotidiana dei propri figli.

L’intervento di estetica oncologica permette di fornire a chi segue i pazienti tutte le informazioni necessarie per affrontare gli effetti collaterali “esterni”, migliora notevolmente la vita, sia del paziente che del caregiver, fornendo a entrambi strumenti vitali per affrontare la malattia e non sentirsi impreparati e non adeguatamente informati di fronte alle sue conseguenze estetiche e alla gestione della cura quotidiana. A ciò va aggiunto l’impatto che l’intervento di estetica “pura” può avere nel migliorare la qualità della vita delle mamme dei pazienti, che formano una vera e propria comunità all’interno del reparto, dati i lunghi tempi di ospedalizzazione. La malattia oncologica sradica tanto il paziente quanto il caregiver dalle proprie abitudini e dalla propria quotidianità: avere la possibilità di partecipare a dei momenti leggeri e di condivisione, allontanarsi per un momento dagli esami, le terapie e dalla vita in reparto, dedicarsi al proprio benessere e alla propria cura costituisce una boccata d’aria e un tassello importante nella ricostruzione della normalità della vita.

Il progetto è stato presentato con una conferenza stampa nella giornata del 28 marzo 2019, a cui è seguita una giornata inaugurale dedicata a cinque adolescenti del reparto, in collaborazione con Natasha Stefanenko, testimonial di Soleterre, e la rivista Glamour, media partner della Fondazione. Lo staff di Glamour ha infatti ricreato un vero e proprio set fotografico nell’atrio del Reparto di Oncoematologia del S. Matteo, realizzando uno shooting pubblicato sul numero di maggio della rivista.

Lascia un commento

Torna su