Soleterre Onlus - Coronavirus

Dona il tuo 5xmille C.F. 97329310151

800.90.41.81

  • ITA
  • ENG

In prima linea contro il COVID-19. Da subito.

Appena scattata l'emergenza, ci siamo attivati dapprima in Italia e poi nei Paesi in cui siamo presenti per essere vicini non solo ai bambini malati di cancro e alle loro famiglie, ma a tutti coloro che avevano bisogno: medici, infermieri, pazienti COVID.
Ecco cosa abbiamo fatto in questi mesi.

ITA

Pavia: al Policlinico San Matteo

Scattata la pandemia, abbiamo da subito avvertito la necessità di non abbandonare il Policlinico. I medici e gli operatori sanitari infatti si sono ritrovati a lavorare giorno e notte in condizioni estreme, affrontando un forte carico di stress, e non potevamo lasciarli soli.
Per questo motivo, abbiamo attivato immediatamente un team di 14 psicologi in supporto non solo del personale impiegato al Policlinico, ma anche dei pazienti COVID e dei loro famigliari. Siamo stati in prima linea con loro nei reparti di Pronto Soccorso, Rianimazione e Malattie Infettive, istituendo anche un servizio gratuito di ascolto a distanza in video-conferenza o chiamata per i parenti dei ricoverati.

Oggi, seppure i ricoveri in terapia intensiva non abbiano più i numeri spaventosi iniziali, il Coronavirus sta lasciando segni profondi in coloro che ne sono stati coinvolti emotivamente. Per fronteggiare quella che è ora un’emergenza psicologica, abbiamo lanciato un Fondo nazionale per il supporto psicologico COVID-19 per aiutare coloro che sono stati ricoverati per il virus e i loro famigliari, nel caso stiano incontrando problemi economici o psicologici derivanti dalla malattia.
Nell’ambito di questo Fondo, abbiamo avviato il progetto Rientro a scuola dedicato appunto alle scuole, con l’IC di Corso Cavour a Pavia, il cui obiettivo è garantire a studenti, docenti e genitori un adeguato supporto psico-emotivo durante il periodo scolastico.

Il nostro supporto al San Matteo di Pavia

14

PSICOLOGI ATTIVATI

320

COLLOQUI OGNI MESE

6

REPARTI COINVOLTI

382

OPERATORI SANITARI ASSISTITI

Taranto: all'ospedale SS. Annunziata

A inizio emergenza sanitaria, l’ASL di Taranto ha emanato un’ordinanza per ridurre le prestazioni sanitarie non urgenti al fine di abbassare i rischi di contagio. Di conseguenza, abbiamo dovuto rinviare o annullare molti colloqui psicologici già fissati con i bambini malati di cancro. Pertanto, in collaborazione con il Direttore dell’Unità, il Dr. Valerio Cecinati, la nostra psicologa ha proseguito i percorsi di psicoterapia a distanza una volta alla settimana tramite video colloqui o colloquio telefonico con i pazienti pediatrici che non potevano recarsi in ospedale durante il periodo di confinamento.
Anche i genitori sono stati aiutati nel fronteggiare le proprie normali reazioni da stress e per dare ai figli la sicurezza emotiva necessaria. Prendersi cura dei vissuti emotivi delle mamme e dei papà ha permesso loro di essere più aperti al dialogo e supportivi anche con i propri figli!

La testimonianza di Mykola, autista della Dacha

Non potevo lasciare le famiglie della Dacha che devono continuare la chemio e altre terapie. Le porto ogni giorno all’ospedale per le procedure necessarie. Inoltre, negli ospedali mancava la protezione e lo Stato non la forniva. Abbiamo comprato noi la protezione tipo respiratori, mascherine, disinfettanti e ho fatto tanti giri dalle aziende e dai negozi fornitori agli ospedali per portare tutto in tempo. Hanno chiuso il trasporto pubblico e ho aiutato i miei colleghi che non hanno la macchina arrivare in ospedale: così i fisioterapisti potevano continuare le sedute di riabilitazione con i bambini e le psicologhe aiutavano le famiglie in questo periodo difficile.

Per me la giornata più difficile è stata quando la piccola Kira della Dacha aveva la febbre e il medico ha emesso la diagnosi di bronchite, prescrivendo anche il tampone da fare… È della stessa età di mia nipote, aspettavamo il risultato tutti insieme nella Dacha, come una grande famiglia. Per fortuna, tutto bene. Speriamo che tutto questo finisca presto“.

Formazione e sensibilizzazione a distanza

Visto l’intervento del governo, il COVID-19 non ha messo in particolare allarme la popolazione, che può muoversi però solo con permessi concessi dalle autorità. I nostri operatori locali continuano le loro attività in telelavoro e allo stesso modo sono proseguiti gli appuntamenti previsti dai progetti attivi in Marocco. Sono stati lanciati invece nuovi appuntamenti di formazione e discussione, “AFTERWORK”, insieme all’associazione locale ES.Maroc.org per sensibilizzare, motivare e diffondere competenze tecniche – quella del telelavoro, ad esempio – nell’area dell’Africa francofona.
Agli eventi, che avvengono su Zoom, partecipano persone da vari Paesi partner.

Immagine 010

La ristrutturazione di una parte dell'ospedale e i lavori nella casa d'accoglienza sono andati avanti

Da subito abbiamo deciso, a causa del lockdown, di dotare lo staff di Gulu di biciclette per garantire che i servizi in corso presso la casa famiglia per bambini malati di cancro non venissero interrotti. Nell’attesa, pochi giorni prima è stata predisposta una postazione per il lavaggio delle mani all’entrata del compound e l’invio dall’ufficio di Kampala di confezioni di hand sanitizer per il personale Soleterre. In più, proprio per contenere il più possibile l’eventuale contagio, si è deciso di dimettere nell’immediato i bambini e i rispettivi caregiver, attraverso l’autoambulanza messa a disposizione dall’ospedale (solitamente ritornano ai propri villaggi con mezzi pubblici) e ammettere quelli che erano in programma di ammissione per il trattamento. Sono state organizzate sessioni di sensibilizzazione dei familiari rispetto all’emergenza COVID, ponendo l’importanza sulle misure di prevenzione e contenimento.
Il follow up ai piccoli pazienti ha continuato a essere attivo durante il confinamento, ma solo per via telefonica, mentre si sono intensificate le sessioni di supporto psicologico soprattutto verso i familiari dei bambini ricoverati, perché il virus si porta dietro tutta una serie di paure (stigma, ansia, paura di essere contagiati, la perdita del lavoro, ecc) che impattano sulla famiglia e l’assetto sociale.


È stato un grande risultato per noi essere stati in grado di realizzare una ristrutturazione dei reparti di Acute e Nutrition care presso l’ospedale regionale di riferimento di Gulu, nonostante il lockdown. Stessa cosa per quanto riguarda i lavori di ristrutturazione della casa famiglia, che si trova all’interno dell’ospedale St. Mary’s Lacor, a pochi kilometri dalla città di Gulu, dove ai primi di marzo si è dato avvio ad un consistente intervento per migliorare le condizioni strutturali della casa per garantire un ambiente più accogliente.

Farmaci e materiale sanitario

Le nostre azioni per proteggere i bambini immunodepressi e sostenere il reparto di Oncologia pediatrica nella lotta al COVID-19 in Costa d’Avorio, dove la pandemia sta avendo un impatto negativo anche in ospedale in termini di reperimento di farmaci salvavita e protezione della salute dei piccoli pazienti.

Unknown

Per ovviare ai problemi legati al COVID-19, abbiamo fornito:

  • farmaci chemioterapici che, a causa dell’emergenza sanitaria, il reparto non è in grado di reperire con facilità, ma che sono indispensabili per salvare la vita dei bambini che hanno bisogno di continuare le cure;
  • guanti monouso;
  • mascherine;
  • flaconi di gel igienizzante da 300 ml che sono essenziali per proteggere i bambini immunodepressi da infezioni virali potenzialmente letali per loro.


Il nostro ufficio stabile presso l’ospedale di Treichville – struttura di riferimento per la pandemia – sta collaborando con tutti i reparti, oltre che con quello pediatrico e oncologico, per aiutarli anche nel disbrigo delle procedure amministrative legate ai pazienti.

Grazie poi al contributo della CEI – Conferenza Episcopale Italiana, la nostra Fondazione ha avviato un progetto che coinvolge i Paesi dell’Africa in cui siamo presenti. Con i fondi stanziati, oltre all’apertura di una casa famiglia in Burkina Faso, abbiamo avviato un progetto di formazione per medici e personale sanitario e di networking tra la Costa d’Avorio, il Marocco e il Burkina Faso proprio per poter prevenire ulteriori contagi da COVID-19 in queste nazioni e far fronte all’emergenza attuale.

Vicino ai bambini e alle famiglie per prevenire anche la violenza domestica

Le misure imposte da metà marzo per l’emergenza hanno imposto la chiusura delle scuole e il divieto di fare incontri, due assi fondamentali del nostro progetto “Escuelas y Comunidades Inclusivas para Otra Ciudadanía” che prevede un grosso lavoro negli istituti scolastici e nelle comunità. Come equipe abbiamo così capito che ora più che mai i nostri beneficiari e beneficiarie dovessero sentire la nostra vicinanza. Abbiamo così sempre tenuto contatto con i dirigenti scolastici, sindaci e leader delle comunitá per capire come il progetto potesse essere comunque una risorsa per le scuole, comunità e istituzioni lavorando ognuno/a dal proprio territorio di residenza. È diventata molto utile l’attivazione di una rete locale che include tutti/e gli attori locali e la popolazione (dai contadini a referenti delle istituzioni) per far arrivare i sussidi di studio alle bambine e bambini che non hanno acceso a internet oppure non hanno nemmemo il cellulare per ricevere online i compiti da fare a casa durante la quarantena.

Soleterre sta portando avanti, da marzo, la campagna QUEDÉMONOS EN CASA, con due obiettivi. Il primo è di sensibilizzare la popolazione perché resti in casa rispettando la quarantena obbligatoria e il secondo è di proporre attività fisiche/ludiche che aiutino la cura della salute mentale.
Dal punto di vista della salute mentale stiamo cercando anche di dare una risposta al problema della violenza intrafamigliare, che è cresciuto durante il periodo della quarantena, con maggiori conseguenze negative in particolare su donne, bambini e bambine.
Fino ad oggi la campagna è stata diffusa con la pubblicazione di poster e video settimanale sulle reti sociali, negli spazi di coordinamento territoriale, e attraverso i contatti diretti con le famiglie e con studenti, ecc. 

Storie dalla pandemia

Un aggiornamento dall’Italia e dai nostri Paesi

Prima delle vacanze estive ci sembrava doveroso darvi un aggiornamento sia dall’Italia che dai nostri Paesi, anche per salutarvi momentaneamente con alcune buone notizie! Per questo abbiamo chiesto al nostro staff di [...]

Emergenza COVID-19, terza ondata: in Uganda manca ossigeno e crescono le vittime tra gli operatori sanitari

FONDAZIONE SOLETERRE LANCIA UN APPELLO URGENTE: SERVONO DISPOSITIVI PER LA PROTEZIONE INDIVIDUALE, MACCHINARI PER L’OSSIGENO E SOSTEGNO PSICOLOGICO PER LO STAFF STREMATO   COMUNICATO STAMPA Milano, 6 Luglio 2021 – In Uganda, […]

COVID: la terribile situazione in Uganda

Sembrava ormai che la curva di contagio stesse calando, ma purtroppo anche in Uganda il COVID-19 è tornato più forte che mai con la sua seconda ondata: la World Health Organization parla [...]

Sostieni le nostre attività

DONA ORA

BONIFICO BANCARIO

INTESTATO A: Soleterre Onlus
CAUSALE: Coronavirus
IBAN: IT88Q0503401699000000013880